A bocca aperta

Forse stai ancora lavorando,
da qualche parte.
Gli occhi a fessura
per il fumo dell’ennesima sigaretta
(adesso non può più farti male).
Una musica sullo sfondo.
Gli attrezzi ordinati sul bancone,
come gli strumenti di un medico.
Le tue mani grandi sanno dove toccare
e creano forme dal nulla.
Io ti guardo a bocca aperta.
Non ho più un’età.
Non ho pensieri, né paure.
Nulla mi tocca.
Sono solo un bambino,
che è orgoglioso di te.
Sono ancora un bambino,
che ha bisogno di te.


Also published on Medium.

facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmailby feather

Commenti da Facebook:


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *